chiama

I segreti del Castello Sforzesco: un viaggio storico e artistico nel cuore di Milano

Milano è una delle città cosmopolite più note d’Italia e del mondo. Nonostante l’alto grado di modernità che la caratterizza, Milano è sempre rimasta fedele alla propria storia antica e alle proprie origini con il passare del tempo, come testimoniato proprio dal Castello Sforzesco, che molto spesso è assunto a vero e proprio emblema del patrimonio culturale e artistico della città lombarda.

Il Castel Sforzesco a Milano: una storia millenaria

Il Castello Sforzesco a Milano è uno dei più bei castelli d’Italia, nonché uno dei più grandi d’Europa. Il castello è stato sede del potere prima dei Visconti e successivamente degli Sforza. Sorto su un precedente nucleo visconteo, il Castello Sforzesco venne infatti costruito da Francesco Sforza nel ‘400. Le mura massicce, le torri imponenti e le possenti porte del Castello testimoniano la sua funzione difensiva nel passato. Esso nel corso dei secoli è stato infatti teatro di eventi storici importanti e significativi per il nostro Paese, tra cui lotte di potere, invasioni e celebrazioni regali.

Il palazzo Sforzesco mantenne la sua funzione militare anche durante il dominio asburgico e napoleonico. Fu proprio Napoleone a ordinare la distruzione dell’edificio in accordo con la popolazione milanese che lo vedeva come un simbolo di tirannia straniero. Nonostante tutto, il Castello riuscì a sopravvivere e passò poi al Comune di Milano. Esso è tutt’oggi una delle sedi di alcuni dei più importanti musei della città.

Una delle attrazioni più importanti del Castello Sforzesco è la vasta collezione di opere d’arte che ospita. Tra queste spicca il leggendario artista rinascimentale Leonardo da Vinci. Nel Castello sono contenute alcune delle opere più note dell’artista come “Ritratto di un musico” e “Ritratto di un cavaliere”. Un altro tesoro nascosto è invece la scultura incompiuta della “Pietà Rondanini“, opera famosissima e una delle ultime sculture di Michelangelo. Si tratta di un’interpretazione del tema religioso della Pietà e incanta i visitatori con le linee sinuose che la caratterizzano.

Curiosità sul Castello Sforzesco

Come ogni Castello che si rispecchi, anche il Castello Sforzesco racchiude al suo interno segreti e aneddoti che contribuiscono a elevare la sua aurea misteriosa. Si narra ad esempio che nelle segrete del Castello fosse stato imprigionato il celebre condottiero Giovanni dalle Bande Nere: Fu proprio la sua prigionia a ispirare una delle poesie più famose del poeta Gabriele D’Annunzio. Un’altra curiosità riguardante il Castello Sforzesco è la presenza di un tunnel segreto nel sotterraneo che condurrebbe fino alla chiesa di Santa Maria delle Grazie che fungeva per le truppe da passaggio segreto e strategico nel corso degli assedi. 

In una delle prime sale del Castello si può inoltre notare un bassorilievo raffigurante una ragazza nell’atto di radersi il pube. C’è chi sostiene che si tratti dell’immagine di una prostituta, dal momento che all’epoca la rasatura del pube era un’usanza delle meretrici per eliminare i pidocchi e chi pensa che si tratti invece di Beatrice di Borgogna, moglie di Federico Barbarossa, che nel 1162 rase al suolo Milano. Questa donna era talmente tanto odiata dai milanesi che probabilmente fu raffigurata nei panni di una prostituta.

Tra le tante leggende anche quella di una dama velata che si aggira per la sera per parco Sempione. Tale fanciulla sarebbe in grado di ammaliare gli uomini facendo perdere loro il senno e conducendoli in luoghi nascosti.

Il Castello Sforzesco è un gioiello storico e artistico che rappresenta un’importante testimonianza del passato della città. Esplorare le sue mura e ammirare le opere d’arte inestimabili che custodisce è un’esperienza che lascia senza fiato. La sua storia millenaria, i tesori artistici e le curiosità che circondano il Castello lo rendono un luogo imperdibile per chi visita Milano.

Scopri anche

1080px-Milano_Corso_Como_vista

Lusso e modernità a Milano: Porta Nuova e Corso Como tra architettura e shopping

blank

La leggenda del Cavallo di Leonardo: i misteri nascosti dietro l’opera d’arte

blank

Com’è nato il progetto CityLife a Milano?